Home page
News
Appuntamenti
Comunicati Stampa
Venerdì, 28 Aprile 2017 CERCA   CONTATTI

 
Statuto
Organigramma
Parlamento
Segretario politico
Presidente del Consiglio Nazionale
Vice segretari
Capo segreteria
Segreteria politica
Ufficio organizzativo
Ufficio enti locali
Ufficio stampa
Ufficio tesseramento
Movimento giovanile nazionale
Modulistica
Trasparenza


Lavoro e Welfare
Consulta della funzione pubblica europea
Responsabile relazioni istituzionali con la Città Stato del Vaticano ed il mondo cattolico
Vita e famiglia
 
POPOLARI UDEUR : Iniziative editoriali Invia news  |  Scarica PDF
12.06.2007 - UNA DONNA CONTRO, CRISTINA MATRANGA di Carmine Fotia
 
/moduli/filemanager/file/thumb/69.jpg

La casa editrice "Accademia degli incolti" ha pubblicato il libro "Una donna contro, Cristina Matranga", un'intervista di cento pagine fatta alla Matranga dal giornalista Carmine Fotia. Lo scopo del libro è indagare le motivazioni che hanno portato alla non ricanditatura dell'ex deputato di Forza Italia attraverso la visione dei fatti della protagonista. Cristina Matranga nasce da una buona famiglia siciliana ed è il padre socialista a trasmetterle la passione per la politica. Dopo il matrimonio fonda il gruppo "Realtà" formato da giovani imprenditori siciliani che condividevano la lotta antimafia di Leoluca Orlando, il cui messaggio, a detta della stessa intervistata, era: "ricordatevi che io posso fare il direttore d'orchestra ma voi siete gli strumenti, se uno di voi stona noi non faremo mai un concerto. Per farlo occorre che ogni strumento, pur mantenendo il suo suono, sia accordato con l'altro. In politica, ciò significa costruire un legame non attraverso il potere ma trovando un linguaggio comune". Da qui inizia il percorso ed il racconto politico della Matranga, che passa per la successiva lite con Orlando, per l'incontro con Berlusconi e negli scontri con Miccichè; attraverso le battaglie garantiste a difesa di contrada e Mannino e per le minacce mafiose e la vita sotto scorta; dall'amicizia con Dell'Utri al vuoto creatole intorno in Forza Italia, allo scontro televisivo con la Mussolini, attraverso le pagine di questo libro abbiamo l'opportunità di leggere una visione della politica ricca di elementi che non ci arrivano nei dibattiti televisivi perché, ciò che emerge dalle parole dell'intervista insieme all'analisi politica degli avvenimenti, è un "sentire" e l'esprimere con libertà i sentimenti che accompagnano le scelte, le lotte, le prese di posizione. "Mentre salivo le scale scalcinate del Palazzo dell'Ulivo tra anfratti un po' bui e polverosi.... Pensavo all'ingresso che avevo varcato sette anni prima, quello del Palazzo di via dell'Umiltà. Il Palazzo di Silvio Berlusconi: un silenzio irreale, porte a vetri che si aprono automaticamente con un frishhhh, hostess leggere come piume che ti conducono lungo corridoi che sembrano gallerie d'arte". Con queste parole, rivivendo, non casualmente, un flash back mnemonico, Cristina Matranga decide di iniziare a parlare della sua avventura politica, proponendoci volutamente una visione femminile, un'analisi delle cose che passa attraverso il sentimento, andando oltre il pragmatismo e la razionalità. Questa scelta di utilizzo del linguaggio, di un'espressività che comprende l'anima oltre che l'analisi elaborata attraverso il cervello, scorre in tutta l'intervista; quindi leggiamo che la seduzione della ricchezza che si prova in Forza Italia è come "un flauto magico che ti cattura e ti stordisce", quando ci viene raccontata la tentazione di rubare un tovagliolo sull'aereo privato di Berlusconi per avere un "trofeo" da portare a casa, quando, a proposito dello scontro televisivo con la Mussolini, leggiamo "in quel momento Alessandra Mussolini era una zanzarina che mi girava in torno, sentivo solo un ronzio un fastidioso ronzio", in queste ed in molte altre occasioni scopriamo, se vogliamo leggere tra le righe di questo libro, l'essere umano prima del politico, vediamo una donna siciliana caparbia, intelligente , ironica, oltre che l'ex deputato di Forza Italia. Basterebbe questa possibilità di scrutare un po' oltre l'ufficialità nell'anima di un politico per incuriosirci alla lettura. A ciò aggiungiamo il fatto non marginale che, come dice il giornalista autore dell'intervista Carmine Fotia: "mi è sembrato che attraverso lo sguardo di una donna che lo ha frequentato politicamente da vicino, fosse possibile comprendere meglio il fascino che Silvio Berlusconi esercita su una parte della società italiana….Così, mentre metà degli italiani si innamora di Silvio Berlusconi , mi sembra interessante proporre il percorso di chi se ne è invece disamorata". Tutto questo non ci sembra poco per chi considera importante capire i fenomeni politici e sociali dell'Italia attuale.
Casa editrice Accademia degli incolti (€ 9,30),
www.cristinamatranga.it

www.accainco.it


.:: Indietro  |  Archivio ::.
 
Iniziative editoriali | News | Appuntamenti | Comunicati stampa | Contatti | Credits